Utilizzando questo sito accetti l'uso di cookie per analisi e contenuti personalizzati. Approfondisci

News

La newgen dei sensori fotoelettrici intelligenti W16 e W26 di Sick
14/03/2018

La newgen dei sensori fotoelettrici intelligenti W16 e W26 di Sick

Gli ingegneri di Sick sono amanti delle sfide. Da una di queste sfide è nata la “NEWGEN” dei sensori fotoelettrici intelligenti W16 e W26 che, anche in presenza di intense luci ambientali, riflessi e oscillazioni, funzionano correttamente. Electro IB, distributore ufficiale dei sensori Sick per Brescia e provincia, vi saprà spiegare tutto ciò che riguarda i sensori W16 e W26 e l’applicazione di questa innovativa tecnologia.

I sensori W16 e W26 di Sick sono in grado di rilevare con estrema affidabilità oggetti lucidi, irregolari, perforati e trasparenti senza essere influenzati da riflessi di luce indesiderati. Niente abbagli, quindi. Questo affidabile sistema di rilevamento oggetti va dritto all’obiettivo.

E lo stesso avviene anche nella comunicazione dove l’innovativo concetto di comando con feedback via LED facilita l’allineamento in pochi secondi per qualsiasi funzione. Gli Smart Sensors W16 e W26 rilevano qualsiasi superficie, trasferiscono l'informazione in dati digitali e la comunicano via IO-Link o Bluetooth al rispettivo ambiente di lavorazione. Inoltre, supportano in modo attivo la rete continua di automazione e aprono le porte alla fabbrica intelligente dell’Industria 4.0.

Grazie all’interfaccia Bluetooth è possibile accedere ai dati dei sensori da qualsiasi terminale mobile. Se i sensori dovessero segnalare condizioni ambientali diverse nel corso del processo, le loro prestazioni potranno essere ottimizzate con pochi clic tramite l’interfaccia Bluetooth.

I vantaggi dei sensori fotoelettrici intelligenti W16 e W26

Allineamento dei sensori con BluePilot

BluePilot consente in pochi secondi, per le famiglie di prodotti W16 e W26, l’orientamento ottimale di sensore e riflettore oppure di emettitore e ricevitore grazie all’innovativo indicatore a LED. Con i sensori fotoelettrici energetici è possibile regolare in modo rapido e preciso il sensore mediante un elemento a pressione-rotazione, senza più necessità di complesse regolazioni. Maggiore semplicità nell'allineamento

Affidabilità di rilevamento con tecnologie innovative

La combinazione unica nel suo genere di nuove ed efficaci tecnologie per il rilevamento di oggetti offre una nuova dimensione per quanto riguarda l'affidabilità di rilevamento. Per la TwinEye-Technology® e le tecnologie LineSpot e ClearSens gli oggetti lucidi e riflettenti non rappresentano più un ostacolo. Anche gli oggetti con forme complesse, perforati e trasparenti sono rilevati senza problemi dai nuovi sensori fotoelettrici W16 e W26. Maggiore affidabilità di rilevamento

Robustezza garantita con VISTAL®

L’intelligenza dei sensori fotoelettrici intelligenti è alloggiata in una robusta custodia in VISTAL®, costituita da materiale plastico rinforzato con fibra di vetro e resistente come l’acciaio. Questi sensori sopportano sollecitazioni termiche, chimiche o meccaniche estreme. Maggiore robustezza

Comunicazione con Smart Sensor

Gli Smart Sensor permettono la fruibilità dei dati per ogni catena di processo. Consentono di realizzare processi industriali dinamici, che si ottimizzano in tempo reale e si organizzano autonomamente. Gli Smart Sensors W16 e W26 rilevano le condizioni reali, generano e ricevono dati e informazioni, anche complesse, che vanno oltre i classici segnali di commutazione o parametri di processo rilevati. Maggior comunicazione di processo

Sensori fotoelettrici intelligenti

I sensori fotoelettrici intelligenti sono il risultato dell'ottimizzazione dell’ampia gamma di prodotti per il rilevamento di oggetti. Le famiglie W16 e W26 dispongono di una gamma di prestazioni standardizzata per le più svariate possibilità d’impiego.